ASDPa - Archivio Storico Diocesano di Palermo

http://www.asdpa.it - info@asdpa.it

Biblioteca

La Biblioteca dell’Archivio Storico Diocesano si è costituita con la riapertura dello stesso nel 1997, e nel corso degli anni ha incrementato il proprio patrimonio librario grazie alle numerose donazioni fatte dagli studiosi, dal vice-direttore dott. Giovanni Travagliato e dal responsabile della sala studio Marcello Messina, nonché dall’incameramento delle piccole biblioteche di parrocchie, chiese e confraternite laicali pervenute in archivio contestualmente al versamento dei fondi documentari delle stesse.  

Nel gennaio del 2013, su iniziativa delle dott.sse Flavia Ferrara e Simona Fazio, nell’ambito delle attività di stage del Master di II livello “Libro, documento e patrimonio antropologico. Conservazione, catalogazione e fruizione” promosso dall’Officina di Studi Medievali in collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo, la biblioteca è stata inventariata, riorganizzata e implementata del materiale librario presente nei depositi dell’archivio e della Curia e il 6 marzo del 2013 è stata ufficialmente istituita in seguito al suo ingresso nel Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN) all’interno del Polo PA1 afferente alla Biblioteca Comunale di Palermo.

Scopo dell’iniziativa è fare del patrimonio bibliografico ivi presente un valido strumento di supporto sia per gli studiosi dell’archivio e della Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia, sia per l’intera comunità cittadina.  

 

Patrimonio

 

Il patrimonio bibliografico ammonta a circa 1600 volumi, distribuiti in 4 sezioni:

  • Materiale bibliografico moderno,
  • Periodici e riviste;
  • Estratti;
  • Fondo antico.

La sezione “Fondo antico”, in particolare, contiene circa 111 volumi ante 1830, di cui:

  • 11 Cinquecentine;
  • 18 Seicentine;
  • 72 Settecentine;
  • 6 Ottocentine;
  • 4 privi di note tipografiche.

 

Carta dei servizi

 

Nello svolgimento della propria attività istituzionale, la Biblioteca dell’ASDPa si ispira ai ‘principi fondamentali’ di uguaglianza e imparzialità, contenuti nella Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994, garantendo un uguale trattamento a tutti i cittadini, senza distinzione di nazionalità, sesso, lingua, religione, opinione politica.

 

Accesso

 

La biblioteca è aperta al pubblico a tutti i lettori italiani e stranieri dal lunedì al giovedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00, e nei giorni di lunedì e giovedì anche dalle 15,30 alle 18,00.

La stessa garantisce continuità e regolarità nell’erogazione dei servizi. In caso di difficoltà o impedimenti, si impegna ad avvisare preventivamente gli utenti e ad adottare tutti i provvedimenti necessari per ridurre al minimo i disagi.

Nella sala di lettura è libero l’uso dei PC portatili, purché finalizzato all’attività di ricerca e studio.

 

Consultazione

 

La consultazione dei documenti posseduti dalla biblioteca è gratuita.

La consultazione dei materiali a scaffale aperto è libera.

Le informazioni sulla collocazione dei materiali a scaffale vengono fornite a richiesta dal personale bibliotecario.

Nei locali della Biblioteca è permessa la consultazione di libri propri se di ausilio all’attività di ricerca d’archivio.

Il lettore è tenuto a trattare con la massima cura tutti i materiali ricevuti in consultazione.

Nel caso in cui danni o atti di negligenza rendano il documento inutilizzabile per  la consultazione, l’utente è tenuto al riacquisto immediato dello stesso.

Per i documenti fuori commercio, l’utente dovrà rifondere il prezzo/valore di mercato del documento stesso. La biblioteca rimane proprietaria del documento danneggiato.

La biblioteca fornisce un servizio di informazione al pubblico, offrendo consulenze bibliografiche e assistenza alla consultazione dei cataloghi online della biblioteca.

La biblioteca non effettua servizio di prestito.

 

Servizio di riproduzione

 

È consentita la riproduzione in conformità a quanto previsto dalla legge italiana e dalle direttive europee sul diritto d’autore del 22 aprile 1941, n. 633 e successive modificazioni e integrazioni.

È possibile fotocopiare per uso personale e di studio il 15% delle pagine di una monografia e di un periodico.

Il prezzo di ciascuna fotocopia è stabilito dall’apposito tariffario affisso in sala studio.

La riproduzione integrale è consentita esclusivamente nel caso di opere fuori dai cataloghi editoriali e rare (Legge 633/41 art. 68 così come modificato dal Decreto Legislativo 68/2003 art. 9).

Al fine di garantire la rigorosa tutela e conservazione delle sue raccolte, sono generalmente escluse dalla fotocopiatura dall’originale:

  • tutte le opere antiche, pubblicate prima del 1830 incluso;
  • le opere stampate in proprio, prive delle note tipografiche;
  • il materiale manoscritto, raro e di pregio;
  • tutte le enciclopedie;
  • i periodici rilegati in volume;
  • le incisioni e le stampe;
  • tutte le pubblicazioni che potrebbero essere danneggiate dalla fotocopiatura;
  • tutti i volumi che sono stati sottoposti a interventi di restauro;
  • tutti i volumi in precario stato di conservazione (con pagine o copertine staccate, ecc.);
  • qualsiasi volume che a giudizio del personale addetto debba essere escluso per ragioni di tutela.

In tutti i casi di esclusione ora elencati si possono richiedere, in alternativa, riproduzioni fotografiche, salvo specifiche valutazioni contrarie.

Le foto eseguite direttamente dall'utente devono essere preventivamente autorizzate dalla Direzione.

 

Donazioni

 

La biblioteca accetta donazioni documentarie da parte di privati cittadini, enti ed associazioni.

I doni di singoli documenti o di intere raccolte vengono accettati e incoraggiati nel caso in cui la loro acquisizione sia coerente con la natura e le finalità della biblioteca, in particolare quando arricchiscano e integrino le collezioni già presenti o servano a colmare lacune nei fondi esistenti. L’offerta di materiali già presenti in biblioteca viene accolta solo quando l’acquisizione delle copie suppletive favorisca concrete esigenze di servizio o di conservazione.

I doni possono quindi essere respinti o destinati ad altre istituzioni culturali.